Home Pop Lo sport per concentrasi. E migliorare nello studio

Lo sport per concentrasi. E migliorare nello studio

Praticare qualche ora di sport pomeridiano non solo fa bene alla salute ma, secondo una ricerca, il 48% dei giovani che fanno esercizio fisico studiano tre ore in più alla settimana, perdono meno giorni di scuola e fanno poche assenze ingiustificate.

Lo sport, se praticato nel giusto modo, fa bene alla salute. Soprattutto nell’adolescenza, se preferito in squadra, costituisce un momento importante per relazionarsi, fare nuove conoscenze e imparare a rispettare il prossimo. Molti sono i dubbi che assalgono i genitori, in particolar modo legati al fatto che lo sport possa togliere ore preziose allo studio, ma una ricerca condotta dagli scienziati dell’Università di Montreal su circa 2.700 studenti canadesi nati tra il 1997 e il 1998 e pubblicata sugli Annals Journal of Health Promotion, dimostrerebbe il contrario: l’attività fisica aumenta la capacità di concentrazione, il livello di attenzione e di autocontrollo e permette di ottenere migliori risultati scolastici.

Questo perché l’ambiente sportivo è un luogo sano che, impegnando i ragazzi in maniera piacevole, permette di sviluppare il senso del gruppo e della cooperazione, il rispetto dei ruoli e il senso di responsabilità, tutti elementi che si riflettono anche nell’attenzione in classe e nello svolgimento dei compiti a casa.

Le numerose ricerche condotte in questo ambito hanno messo in luce che molti giovani atleti che praticano una regolare attività fisica e sportiva hanno voti più alti della media. Ma come mai? Una delle possibili spiegazioni risulterebbe legata all’aumento della circolazione sanguigna. Il movimento aumenta l’apporto di sangue ai tessuti e quindi anche al cervello, compresa l’area dove risiedono la capacità di apprendere, l’attenzione e la memoria.

Non solo. Praticare sport ha effetti anche sulla quantità e qualità dei compiti a casa: il 48% degli atleti si dedica allo studio a casa per tre ore in più alla settimana rispetto a coloro che non fanno attività extra-curriculare. Gli studenti di medie e superiori che praticano sport perdono il 51% in meno di giorni di scuola e presentano il 42% in meno di assenze ingiustificate.

In ultimo ma di fondamentale importanza, l’attività fisica riduce il rischio di obesità, contribuendo alla salvaguardia di uno stile alimentare più sano ed equilibrato.  Insomma un aiuto al corpo e alla mente che plasma la personalità e, in futuro, aiuta a trovare lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here