Home Territorio In arrivo l’app italiana per combattere il virus

In arrivo l’app italiana per combattere il virus

Un’app per combattere il virus. ll Ministero per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione ha pubblicato il 24 marzo una fast call rivolta al mondo della ricerca e delle imprese per individuare le migliori soluzioni digitali per app di telemedicina e strumenti di analisi dati, e coordinare a livello nazionale l’analisi, l’adozione, lo sviluppo e l’utilizzo di queste soluzioni e tecnologie per il monitoraggio e contrasto alla diffusione del Covid-19.

Una strategia che richiama il modello di contenimento adottato dalla Corea del Sud: monitorare i contagi attraverso il tracciamento dei contatti delle persone positive al Covid-19.

“L’emergenza Covid-19 ha evidenziato quanto siano fondamentali la connettività, il digitale e i dati – ha spiegato il Ministro dell’Innovazione Paola Pisano – Per questo motivo abbiamo voluto seguire un approccio concreto che partendo da #solidarietàdigitale metta a fattor comune le applicazioni digitali già disponibili per sostenere le attività del Paese (didattica a distanza e lavoro agile in primis) e si estenda #innovaperlItalia in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell’Università e della Ricerca”.

L’invito è rivolto a Pubbliche Amministrazioni, enti ed organizzazioni pubbliche e private e alle aziende che stanno lavorando o che hanno gia’ realizzato soluzioni tecnologiche nell’ambito dei due ambiti della call:

  • app e soluzioni tecniche di teleassistenza per pazienti domestici, sia per patologie legate a Covid-19, sia per altre patologie, anche di carattere cronico. Rientrano in questo ambito app e chatbot per l’automonitoraggio delle condizioni di salute, rivolte a tutti i cittadini o solo ad alcune fasce (come i soggetti sottoposti a isolamento fiduciario);
  • tecnologie e soluzioni per il tracciamento continuo, l’alerting e il controllo tempestivo del livello di esposizione al rischio delle persone e dell’evoluzione dell’epidemia sul territorio. Rientrano in questo ambito strumenti di analisi di Big Data, tecnologie hardware e software utili per la gestione dell’emergenza sanitaria.

Un’appello che in poche ore ha permesso di raccogliere 270 proposte.

Come ha spiegato il Ministro all’agenzia Agi le proposte saranno esaminate sulla base di 3 parametri:  tecnologia, impatto, privacy inoltre “la decisione politica di adottare una soluzione piuttosto che un’altra sarà presa poi dal Governo, in accordo con le altre istituzioni coinvolte, a partire dal Garante per la Privacy. Il garante della privacy è coinvolto nella task force e ci stiamo già confrontando in modo informale su alcuni temi. Le decisioni che prendiamo oggi avranno un effetto futuro soprattutto sul nostro approccio alle emergenze e ai dati”.

Tutti i soggetti pubblici e privati che vogliono sottoporre una soluzione hanno tempo fino al 26 marzo alle ore 13 compilando il form dedicato. 

Nell’ambito dell’iniziativa Innova per l’Italia,  è stata pubblicata un’altra call che riguarda soluzioni per rispondere alla crescente necessità di tamponi, mascherine e ventilatori terapeutici.

Per rispondere all’invito del Ministero tutte le informazione sono disponibili al link https://innovazione.gov.it/innova-per-l-Italia-la-tecnologia-e-l-innovazione-in-campo-contro-l-emergenza-covid-19/

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here